Davvero – Il webcomic di Paola Barbato – Puntata 23

 

 

 

 

 

 

 

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • MySpace
  • Yahoo! Bookmarks
  • Twitter

31 Commento a Davvero – Il webcomic di Paola Barbato – Puntata 23

  1. Emilio Pilliu scrive:

    BOMBA. Finale molto forte. Credo che Riccardo nasconda qualcosa che non vuol far trasparire. Mi piace. L’ho sempre trovato carismatico, al contrario di molti lettori che lo trovano vuoto o stronzo.
    Si cioè, è stronzo, ma credo sia una corazza.
    Disegni e colori eccezionali.

  2. lullaby87 scrive:

    un pò eccessivo il ragazzo ma lei se l’è cercata!
    comunque sempre più intrigante la vicenda, peccato che le puntate siano così brevi!
    Complimenti!

  3. AlmaCattleya scrive:

    Ehm, preferisco non esprimermi perché credo che riempirei il commento di insulti (ovviamente per Riccardo). A questo punto sono DAVVERO curiosa di sapere cosa succederà. Mi tocca aspettare giovedì.
    Questa volta il tratto mi piace tantissimo. Mi piace molto il viso di Martina nell’ultima vignetta della seconda tavola. L’espressione è venuta benissimo.

  4. Daniela Mela scrive:

    Sono rimasta basita.. mi è piaciuto tantissimo questo colpo di scena! 🙂 tantissima tensione tra due mondi diametralmente opposti.. che si conclude in un “taglio di ciuffetto”, I like it! 🙂 Complimenti vivissimi per le tavole, difficile visualizzare tutta questa tensione senza scadere nel banale, e Nunziati ci è riuscito benissimo! Colori ottimi, luci e riflessi al top! Bravissimi tutti! Attendiamo la prossima puntata 😉

  5. L4GANN scrive:

    Allora, tralasciando il fatto che assillare Riccardo circa trenta secondi dopo che aveva finito di litigare con la sua ex, è un segno di grande mancanza di comprensione e rispetto verso il prossimo….

    Se al posto di riccardo ci fosse stato un ciccione brufoloso a tagliere il ciuffo di Martina, a quest’ora lo stareste ricoprendo tutti di insulti.

    Riccardo è stato impulsivo, e sapeva che con questa mossa, si sarebbe cercato le attenzioni di Martina, cosa che già aveva prima.
    Insomma, non ci vedo nulla di anormale in quello che ha fatto, e francamente mi è sembrata solo un “colpo di scena” da romanzo rosa..

    • Paola Barbato scrive:

      Fuor di polemica, seriamente, credo ci sia un equivoco: “DAVVERO” E’ FONDAMENTALMENTE UN ROMANZO ROSA. Scrivere un fumetto che si ispira agli shojomanga significa scrivere un fumetto che si ispira ai fumetti romantici per ragazze giapponesi. Solo che è ambientato in Italia, con personaggi italiani legati alla nostra quotidianità. Non atterrerà mai un ufo, non compariranno fantasmi, non si apriranno altre dimensioni e non ci saranno morti ammazzati. Ma nemmeno ci saranno denunce sociali e puntate moralmente impegnate. E’ la storia di una ragazza di 19 anni che vive una fetta della sua vita. E in questo caso si incrocia con un brutto momento di un ragazzotto di provincia che fa un gesto odioso e discutibile come poteva essere prendere la sua borsetta e buttargliela dalla finestra, per esempio. Non mi sembra che ci siano dubbi su cosa sto raccontando.

      • Pegli scrive:

        Paola, è verissimo quello che dici sull’essere un fumetto romantico… però mi sembra che tu “sminuisca” troppo la tua “via italiana” agli shoiomanga.

        Certamente non è nè potrà essere un fumetto di “denuncia”… però già il fatto di ambientarlo in una casa per ragazzi che fanno fatica a dividersi anche le spese più piccole, è un bello spaccato su una parte di società fin troppo spesso “oscurata”… e l’evidenziarne le difficoltà (oltre agli ovvi intrecci interpersonali) è già secondo me un parlare di temi “sociali”, e neppure in senso troppo lato.

        Anche il modo in cui si era toccato il tema dell’aborto mi era sembrato lontano dalle condanne aprioristiche e moralistiche di tanta letteratura “per ragazzi”.

        Personalmente io spero che ci siano anche altre occasioni per far “riflettere”, oltre che per intrattenere e raccontare una “storia”…

        • Paola Barbato scrive:

          Sottolineavo solo che il genere è “rosa”, non “di denuncia”. Poi la nostra realtà è questa e nella varietà di vite diverse io scelgo cosa raccontare. Ma la base non è certo drama.

        • Jezvi scrive:

          Ciò non toglie che i presupposti per il cambiamento del personaggio e le reazioni siano irreali e illogiche. Mi verrebbe di fare il paragone con i film porno, nei quali per arrivare alla scena topica di sesso, ci sono passaggi completamente privi di senso e che non stanno nè in cielo nè in terra, suvvia.

  6. denis scrive:

    E complimenti Signor Nunziati…sei un grande Ric !!!!!! e un altro colpo di scena come ormai siamo abituati….e avanti cosi…

  7. AlmaCattleya scrive:

    In effetti Martina ha sbagliato a parlargli in quel momento e avrebbe dovuto capire che non era il momento visto che aveva assistito pure alla scena. Però quel gesto è stato davvero eccessivo.

  8. Flavio scrive:

    Bello stile lo stile, belle le inquadrature, i disegni ei colori…..
    Francamente avrei tagliato anche io il ciuffo a Martina…….
    Bellissima puntata….direi, se non la migliore, assolutamente tra le migliori…..

  9. dada scrive:

    Bella puntata, emerge con chiarezza che Martina è una “sciuretta milanese” in erba e Riccardo un uomo violento. La coppia perfetta direi.

  10. gattapog scrive:

    ah ecco, 23 numeri mi sembravano un’attesa eccessiva per tirare fuori gli zombie 🙂

  11. Jezvi scrive:

    Premetto che i disegni e i colori sono bellissimi. E’ da 5 puntate fa che pubblicizzate ogni puntata come quella “decisiva”, “colpi di scena” e via dicendo, ma ogni volta leggendo il fumetto la mia perplessità aumenta. Quale sarebbe nel caso specifico il colpo di scena? Il fatto che a lui son girate e le ha tagliato il ciuffo? Ma poi che reazioni umane sono? Lei vede Riccardo tornare a casa incazzato dopo averlo visto litigare con una e gli si mette nell’orecchio come una radiolina; per quanto incazzato, sarebbe stato più realistico se lui le avesse urlato un “ma levati dalle palle e chiudi quella fogna”, piuttosto che TAGLIARLE IL CIUFFO. Ma che roba è? E non è solo in queste tavole che vedo reazioni umane completamente irreali. Mi dispiace dirlo, ma mi sembra che lo scopo di molte puntate sia giusto quello di allungare la brodaglia. Mi sarei aspettata di meglio e mi auguro che la storia finalmente diventi interessante, che è l’unico motivo per il quale la sto seguendo.

    • vania scrive:

      a me pare invece che il colpo di scena ci sia eccome. Considera che siamo abituati a vedere Martina che si scosta il ciuffo ogni 30 secondi. E’ una abitudine, un segno di imbarazzo. I suoi capelli sono sempre a posto e sono praticamente quello che la lega alla sua vita passata di ragazza cool, sempre all’ultima moda e poerfettina, senza problemi di soldi, annoiata e con un taglio glam. I capelli, il suo taglio fa parte del persoinaggio come la camicia rossa di Dylan Dog. Tagliare un ciuffo (IL CIUFFO) vuol dire stravolgere il personaggio sia come caratterizzazione grafica che a livello caratteriale. Non è una cosa che si vede spesso specie nel fumetto italiano. A me questa cosa pare una trovata spettacolare, intelligente e coraggiosa. Curiosa di vedere quale soluzione adotterà Martina. Certo dovrà cambiare acconciatura da ora in avanti e non sarà più la Martina che conosciamo. Bravi tutti!!!!

  12. francesco scrive:

    caro nunziati solo cose belle posso dirti, ben fatto complimentissimi, non pensavo fossi cosi bravo.
    !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  13. Marco scrive:

    Un po’ “Nana”, con Riccardo nel ruolo di Takumi e Selena in quello di Nana Osaki…

  14. Vele Ivy scrive:

    A me Riccardo sembra un po’ psicopatico…
    …comunque apprezzo un sacco il colpo di scena e la tensione creata nel corso dell’episodio… si legge tutto d’un fiato, ottimo climax!

  15. ginkgobiloba scrive:

    Bel fumetto Paola.Io non mi aspetto niente di più che un racconto sulla “quotidianeità”. Mi piace così,ne più ne meno.

  16. L4GANN scrive:

    Il fatto che Riccardo sia simile a Scamarcio, non è che mi faccia fare i salti di gioia.. è un tipico personaggio che detesto.

    E cmq detto tra noi;Riccardo come barbiere fa schifo… nell’ultima tavola ha lasciato il ciuffo centrale(che poi sarebbe quello più odioso).

    In pratica, le ha solo rovinato i capelli ^^.

  17. vania scrive:

    bella bella bella. Bravi :D!!!

  18. p.fasanaro scrive:

    Riccardo dovrebbe finire nel camion con Batiza, così, come allenamento prima di una serata impegnativa.
    Paola sei mitica!

  19. Mannes Chiarini scrive:

    Riccardo è Vegeta.

Lascia un commento